Manchester ore 22,30


Manchester ore 22,30

C’è un’ansia d’immortalità
che ci distrugge.

Chi sei?
Improbabile risposta.

Forse poteva bastare
un sorriso che non arrivò.
Un o.k. , bene, bravo,
che non fu mai detto.
Arrivò solo un passaporto
per l’aldilà.

Ora, forse,
ti riconosceranno
attraverso
i brandelli di carne innocente
che seminano la Storia.

Ore 22,30
un boato, rumore, grida.
Dopo
un crepitio di analisi
per digerire tutto


Francesco Zaffuto

post inserito il 24/05/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia
Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

4 commenti:

  1. Sono versi che fanno riflettere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Straziante! Come il vile attentato

    RispondiElimina
  3. Daniele Verzetti, Cavaliere oscuro, e Patricia Moli, vi ringrazio per essere passati di qua in questa triste occasione

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.