“GENEROSO MAGGIO”

In questo post l’invito dei Poeti dell’Ariete, la poesia di Salvatore di Giacomo, e diverse interpretazioni musicali.
L'incontro dei Poeti dell'Ariete si è tenuto Mercoledì 17 maggio 
Incontro mensile di lettura libera di poesia a tema, 
organizzato da “I POETI DELL’ARIETE”
al GRAN CAFFE’ AL FORO- RINNOVATO-, Foro Buonaparte, 67 – Milano - MM1 Cairoli
Tema indicativo: “GENEROSO MAGGIO”
Maggio, generoso di luce e di colori, è notoriamente uno dei mesi più amati. Mese dell’ esplosione della natura, della fioritura delle rose. Mese prodigo di doni, veramente ricco di attrattive e di bellezza: finestra aperta verso l’estate. È anche il mese della festa del lavoro, della festa della mamma e il mese mariano. Maggio è affascinante per la sua storia e il suo significato. Per gli antichi romani era il mese della fertilità, il mese consacrato ad Apollo, il dio della bellezza e protettore delle arti, in modo particolare della poesia, infatti viene rappresentato con la lira. E allora, amici poeti, festeggiamo degnamente il nostro protettore verseggiando !
Vi aspetto. Cordialità.

Luigi Giurdanella.



Arpa eolica si unisce all’invito dei Poeti dell’Ariete
e nell’attesa di questo incontro di maggio
vi propone in lettura ed in ascolto
un classico della poesia sul Maggio che è diventata una storica canzone della tradizione napoletana:
Era de maggio del poeta Salvatore Di Giacomo
messa in musica da Mario Pasquale Costa
In fondo al post le interpretazioni di Tito Schipa, Roberto Murolo, Noa




Era de maggio e te cadéano 'nzino, 
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse... 
Fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino 
addurava de rose a ciento passe... 
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo, 
na canzone cantávamo a doje voce... 
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo, 
fresca era ll'aria e la canzona doce... 

E diceva: "Core, core! 
core mio, luntano vaje, 
tu mme lasse, io conto ll'ore... 
chisà quanno turnarraje!" 
Rispunnev'io: "Turnarraggio 
quanno tornano li rrose... 
si stu sciore torna a maggio, 
pure a maggio io stóngo ccá... 
Si stu sciore torna a maggio, 
pure a maggio io stóngo ccá." 

E só' turnato e mo, comm'a na vota, 
cantammo 'nzieme lu mutivo antico; 
passa lu tiempo e lu munno s'avota, 
ma 'ammore vero no, nun vota vico... 
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje, 
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana: 
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje, 
e ferita d'ammore nun se sana... 

Nun se sana: ca sanata, 
si se fosse, gioja mia, 
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata, 
a guardarte io nun starría ! 
E te dico: "Core, core! 
core mio, turnato io só... 
Torna maggio e torna 'ammore: 
fa' de me chello che vuó! 
Torna maggio e torna 'ammore: 
fa' de me chello che vuó "

per chi ha bisogno di una traduzione http://it.wikipedia.org/wiki/Era_de_maggio

Qui i link di tre interpretazioni godibili su youtube: 
quella antica del tenore Tito Schipa

quella classica cantata con filo di voce da Roberto Murolo

e la particolare versione in ebraico cantata da Noa (nome d'arte di Achinoam Nini )  http://www.youtube.com/watch?v=J5P90WJTLLU

Immagine -  vaso di piccole rose rosse acquerello di Francesco Zaffuto

post inserito il 12/05/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia
Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

2 commenti:

  1. Ciao Francesco non finisci di stupirmi e di commuovermi, trovi sempre la "cosa" giusta al posto giusto. Ti abbraccio e ... anche un bacio. Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio alla grande canzone Napoletana - ciao

      Elimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.