12 dicembre 1969, l’inizio di una brutta Storia

 12 dicembre 1969 – Nel pomeriggio, alle 16:37, nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura di Piazza Fontana, a Milano, esplode una bomba composta da circa sette chili di tritolo che provocherà la morte di 17 persone e il ferimento di altre 88.
·         12 dicembre 1969: strage di piazza Fontana a Milano (17 morti e 88 feriti).
·         22 luglio 1970: strage di Gioia Tauro (6 morti e 66 feriti).
·         31 maggio 1972: strage di Peteano a Gorizia (3 morti e 2 feriti).
·         17 maggio 1973: strage della Questura di Milano (4 morti e 52 di feriti).
·         28 maggio 1974: strage di piazza della Loggia a Brescia (8 morti e 102 feriti).
·         4 agosto 1974: strage dell'Italicus (strage sull'espresso Roma-Brennero, 12 morti e 105 feriti).
·         2 agosto 1980: strage della stazione di Bologna (85 morti e 200 feriti).

Nonostante tutti i processi non si arrivò a individuare e condannare i colpevoli della strage di Piazza Fontana; ma emerse nei processi, con evidenza, che l’Italia in quegli anni era diventata un crocevia di una guerra segreta tra servizi segreti.
Continuarono le stragi in Italia; venne criminalizzato il movimento di opposizione e si radicalizzò una parte del movimento fino a determinare il lungo periodo degli anni di piombo.

 Il tempo pare avere sepolto quegli eventi, ma solo con una consapevole riflessione su quel periodo storico si possono trovare gli anticorpi per evitare che quella storia possa ripetersi.

post inserito il 12/12/2016

Altri post di Arpa eolica della sezione Storia
Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

Nessun commento:

Posta un commento

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.