Le estati della vita


Poesia di Maria Luisa Ferrantelli – letta nell’incontro dei Poeti dell'Ariete del 15 giugno 2016
Le estati della vita

Alcune furono così cariche di frutti
da piegare i rami
eppure noi non ne cogliemmo
e lasciammo che si infrangessero al suolo.
Talvolta invece cogliemmo
un frutto acerbo
e quasi non ne conoscemmo
il suo vero sapore.
Ce ne furono poi di succosi e profumati
come fiori,
altri aspri
come le sorbe.
Ci fu l’estate in cui afferrammo
una sola volta
quei frutti che vivono
brevissime stagioni
e quella di frutti
un po’ appassiti
che il gusto ricreava nel ricordo.
A volte sdegnammo i rami più bassi
per inerpicarci faticosamente
sulle cime di alberi….
La mia estate non torna più.
Ma io ora sono
tutte le mie estati
e nella memoria
dei rami sterili e spogli,
in colori ancor più vivi
sotto un altro sole,
quei frutti
tornano tutti insieme
a rinascere
in un unico raccolto:
sono la mia provvista perenne
per l’inverno.

Maria Luisa Ferrantelli

immagine
I papaveri di Claude Monet, 1873. Olio su tela, 50x65 cm, Parigi, Musée d'Orsay.

La pagina di Arpa eolica dedicata a Maria Luisa Ferrantelli


Post inserito il 16/06/16

Per tutti i post recenti di Arpa eolica vai all’Home page

2 commenti:

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.